case in legno Jelovica Slovenia Leska

Manutenzione di case prefabbricate in legno

MANUTENZIONE DI CASE PREFABBRICATE IN LEGNO

Non c’è alcun oggetto e non c’è materiale che dopo qualche tempo non subisce il degradimento. Le condizioni meteorologiche esterne, l’usura dei materiali e varie lesioni incidono sullo stato dell’edificio e richiedono manutenzione, cura e riparazioni regolari. Con tutte queste procedure, estendiamo considerevolmente la vita dell’edificio, evitando maggiori danni e quindi maggiori costi. Cosi facendo si mantene intatto il valore della proprietà. D’altra parte, la regolare manutenzione e ristrutturazione di case prefabbricate aumentano anche la qualità della vita, perché il mercato ci offre ogni giorno tecnologie nuove.

I produttori garantiscono che, con una manutenzione regolare, la casa prefabbricata puo durare anche per più di tre generazioni. Il sistema di costruzione e i materiali di qualità, il legno opportunamente trattato, opportunamente asciugato e successivamente regolarmente sottoposto a manutenzione sono attributi per la lunga durata della struttura in prefabbricato.

Al momento dell’acquisto di una casa prefabbricata, il produttore da le istruzioni al cliente su come mantenere la casa. Il proprietario deve garantire un adeguato riscaldamento e ventilazione, e in determinati orari deve ispezionare i punti critici dell’edificio. Nella cura della casa prefabbricata, si raccomanda di controllare e mantenere regolarmente la tenuta del sistema fognario, di approvvigionamento idrico e di riscaldamento della casa.

La manutenzione della casa prefabbricata, nonostante la costruzione in legno, non differisce molto dalla manutenzione di una casa di costruzione classica. Un moderno sistema di costruzione prefabbricata è progettato per coprire e rivestire completamente la struttura in legno.

Per una casa prefabbricata in legno i produttori di solito forniscono una garanzia di 30 anni. Con una manutenzione regolare, tuttavia, questa durata è molto più lunga. È importante che come bravi maestri controlliamo i siti critici dove l’acqua può penetrare nell’edificio e proteggere tempestivamente la struttura in legno. A causa dell’effetto distruttivo dei parassiti del legno, l’aumento del livello di umidità è il più grande nemico del legno. Qesto vale anche per gli altri materiali da costruzione e costruzioni in cemento o gesso. In particolare, dobbiamo prestare attenzione allo stato del tetto, delle grondaie, dell’acqua e dei tubi di scarico. Dobbiamo fare in modo che l’acqua non ristagni all’esterno dell’edificio e scarichi il prima possibile e che l’aria circoli bene. Una parte molto importante della protezione della casa dall’umidità è il portico che protegge la porta e l’interno della casa dalla pioggia. Rivestimenti protettivi della superficie esterna della casa, che proteggono la casa contro gli insetti (insetti legno, funghi, funghi, alghe verde) e degradimento, devono essere periodicamente aggiornati ogni due anni o rispettivamente secondo le istruzioni del produttore.

Per preservare la struttura in legno è particolarmente importante impedire all’umidità di penetrare al’interno dell’edificio. Pertanto, dobbiamo prestare attenzione alla corretta e stretta posa della barriera al vapore e alla sigillatura dei contatti nelle zone umide. Queste zone vanno riviste ogni due anni e varie crepe vanno riparate il prima possibile.

Per i principali adattamenti, il produttore dovrebbe essere consultato. Per materiali e attrezzature incorporati, che è più facile da sostituire, i periodi di garanzia differenziano da fornitore a fornitore.

Marko Hrovatin

Marko Hrovatin
case prefabricate in legno jelovica slovenia

Casa prefabbricata in legno o casa in tradizionale?

CASA PREFABBRICATA IN LEGNO O CASA IN TRADIZIONALE? TUTTI I PRO E I CONTRO.

Secondo le statistiche dei produttori internazionali l’interesse per gli edifici prefabricati in legno è aumentato di un terzo nell’ultimo decennio. Siamo sempre più apprezzati dalle persone e la consapevolezza che la costruzione di montaggi in termini di tecnologia e materiali ha fatto così tanti progressi che le case sono a risparmio energetico ed economiche, e allo stesso tempo sono piacevoli da vivere.

I vantaggi principali della casa prefabricata in legno di fronte all’edificio classico sono una maggiore efficienza energetica e bassi costi di consumo, comfort di vita, materiali naturali, costruzione precisa e veloce. Nel caso di una casa prefabricata, più cose devono essere fatte in fase di progettazione, cioè prima che nel caso di costruzioni convenzionali, ma durante la costruzione ci sono meno sorprese e situazioni impreviste. Particolare attenzione dovrebbe essere posta sulla costruzione guidata per un prezzo precedentemente noto, in cui una società coordina tutti gli operatori e garantisce infine l’esecuzione. Il vantaggio è anche il maggiore utilizzo dello spazio, perché la casa media ha più superfici interne per almeno 10 metri quadrati a causa di pareti più sottili con le stesse dimensioni esterne.

Vantaggi di una casa prefabricata in legno:

  • Montaggio rapido: indipendentemente dal sistema di edifici prefabricati – scheletrico o pannello – la casa è generalmente montata entro circa tre mesi, dalla data di ordine.
  • Uso di materiali naturali: il legno regola meglio l’umidità nello spazio ed è un isolante sei volte migliore del mattone e 15 volte migliore del calcestruzzo, il che influisce sulla quantità dei costi di riscaldamento.
  • Aspetto sostenibile: il legno ha la minima impronta di carbonio tra tutti i materiali da costruzione.
  • Sicurezza sismica: la costruzione di una casa prefabricata in legno è molto sensibile al carico sismico e trasmette molti sovraccarichi.
  • Sicurezza antincendio: il legno preserva la stabilità per un tempo piu lungo rispetto al cemento, acciaio e ai mattoni. Il fuoco inizia a mangiare la sua struttura, può bruciare due centimetri e il fuoco più profondo non penetra l’ossigeno a causa della mancanza di ossigeno.
  • Stabilità: la resistenza al vento è assicurata da elementi correttamente collegati, una struttura ancorata e piastre correttamente attaccate.

Nonostante i molti vantaggi delle case prefabricate, sono ancora accompagnati da una serie di pregiudizi. Ad esempio, le persone si occupano principalmente di alluvioni e sicurezza antincendio e protezione del legno dai parassiti. Poiché la maggior parte dei materiali sono impermeabili, le superfici si asciugano rapidamente. C’è anche una preoccupazione per la sicurezza antincendio, dal momento che il rivestimento a doppia parete di pannelli a base gesso con un buon isolamento garantisce resistenza al fuoco fino a 90 minuti. Per quanto riguarda il controllo dei parassiti, non è richiesta alcuna protezione speciale, poiché il legno stesso viene trattato termicamente, pertanto l’uso di sostanze nocive e pericolose per la salute sarebbe privo di significato.

Ci muoviamo più velocemente dei muratori:

La costruzione della casa è estremamente impegnativa ed esigente e richiede all’investitore di monitorare e organizzare costantemente gli operatori, che rappresenta una sfida significativa al ritmo frenetico della vita. Inoltre, la stragrande maggioranza della casa mette la casa per la prima volta e non ha esperienza o interpreti verificati, quindi non sorprende che i nuovi costruttori preferiscano rivolgersi a chiavi in ​​mano. Il vantaggio di una tale decisione è anche che il produttore garantisce la qualità finale della struttura.

La casa prefabricata è molto più veloce della muratura – circa un anno dopo aver preso in considerazione il tempo per la raccolta dei permessi, lo svolgimento delle procedure e la costruzione. Nel caso di un chiavi in ​​mano, può essere spostato in circa cinque o sei mesi dall’inizio della costruzione, a seconda del produttore. La maggior parte del lavoro viene svolto prima dell’inizio della costruzione, nella produzione, dove la casa è di solito costruita in poche settimane, la costruzione stessa viene completata in pochi giorni, seguita da altri lavori di costruzione e finitura.

Debolezze di una casa prefabricata in legno:

  • La tendenza al surriscaldamento: nonostante questo, il legno ha buone proprietà termiche.
  • Sensibilità del legno e isolamento termico all’umidità e all’acqua: questo è un problema, soprattutto in caso di maltempo durante la costruzione, fino a quando la casa non è coperta da coperture, quindi non è possibile costruirla per tappe.
  • Vincoli architettonici: la gamma di travi in ​​legno è relativamente limitata, quindi non è possibile realizzare grandi spazi aperti in modo semplice. In questi casi dobbiamo usare l’acciaio.

Maggiori risparmi nei consumi:

I prezzi delle case prefabricate sono completamente paragonabili a quelli di costruzione classica, ma ovviamente le offerte variano. Alcuni produttori promettono almeno il 15% in più di prezzi favorevoli rispetto a case in muratura simili, mentre altri sostengono che sono costruiti in modo classico in qualche modo più economici di quelli prefabricati. Il fatto è che il prezzo di una casa costruita in confronto con l’assemblaggio in uno standard energetico paragonabile è uguale o leggermente superiore, e la differenza di prezzo tra il risparmio più economico e quello medio è stimata dai produttori intorno al 5%.

Che dire del consumo della casa prefabricata rispetto al classico nuovo edificio? In media, la maggior parte delle case costruite classici tutte le età di riscaldamento consuma circa 150 kWh / m2 per anno, mentre l’energia a basso prefabricato che consumano meno di 35 kWh per metro quadrato, passiva o anche meno di 15 kWh / m2. Supponendo che la casa di nuova costruzione, di 150 metri quadrati nella facciata del 15 pollici di polistirolo, finestre in PVC nel tetto 25 pollici di isolamento, riscaldamento è una condensazione caldaia a gas e senza ventilazione, la differenza dei costi energetici dopo stime dei produttori di almeno 1000 EUR all’anno. Sul consumo energetico della casa, oltre al tipo di costruzione e ai metodi di riscaldamento, ovviamente, anche le abitudini di abitazione dei residenti sono significativamente influenzate.

Marko Hrovatin

Marko Hrovatin

Resistenza al fuoco delle case in legno

RESISTENZA AL FUOCO DELLE CASE IN LEGNO

Le persone temono la combinazione di legno e fuoco per una buona ragione. Storicamente il legno è stato il principale materiale da costruzione in molti luoghi in tutto il mondo; intere città sono state costruite in legno. Gli archivi contengono molti documenti relativi a città che sono state bruciate sul terreno in momenti diversi nel tempo; nelle città densamente costruite, il fuoco poteva saltare rapidamente da un edificio all’altro. Questo ricordo è profondamente radicato nella mente delle persone anche oggi, e non è lasciato andare così facilmente.

Questi pregiudizi non sono solo duri, ma sono anche ingiusti nell’edilizia in legno. Varie ricerche e analisi approfondite hanno rivelato che la maggior parte degli incendi in legno avvengono in case abbandonate o in abbandono, in cottage o baracche da giardino, piuttosto che in costruzioni moderne. Questi edifici non sono stati costruiti con misure precauzionali per la sicurezza antincendio e le persone spesso agiscono in modo sconsiderato e spericolato senza prendere in considerazione il fattore di rischio incendio. Ad esempio, i paesi nord Europa costruiscono persino edifici residenziali in legno fino a 300 m! Questo testimonia che il legno è un materiale sicuro per il fuoco. E sempre più paesi europei cominciano a fare grattacieli in legno.

Affinché la struttura in legno prende fuoco, richiede il cosiddetto triangolo magico – tre componenti principali. La prima componente è il carburante: in questo caso il legno stesso. La seconda componente è l’ossigeno o ossidante che consente la combustione di una fiamma. L’ultima componente è una fonte di accensione, che può essere qualsiasi cosa, da una candela in un albero di Natale o un guasto in un’installazione elettrica. Incontriamo la combinazione dei primi due componenti ogni giorno. Un fattore importante per la sicurezza antincendio del legno sono i suoi livelli di umidità. Il legno assorbe l’umidità dall’ambiente circostante e rilascia l’umidità nell’ambiente. Il legno non è mai completamente asciutto. Questa proprietà unica del legno è un fattore benefico per la sicurezza antincendio. Rispetto alle costruzioni metalliche, il metallo è un eccellente conduttore di calore e si riscalda molto rapidamente. Quando raggiunge i 300-400 gradi, si deforma e la costruzione fallisce. Le costruzioni in legno invece possono resistere a temperature più elevate. Durante gli incendi, quando le temperature raggiungono i 1000 gradi, l’interno di una costruzione in legno non raggiungerà mai più di 100 gradi finché gli strati interni di legno mantengono l’umidità. Ciò rende una casa in legno più sicura per l’evacuazione in caso di incidente, e il fuoco può essere estinto, preservando la costruzione dell’edificio.

REI:

I = isolamento. Il tempo necessario per produrre un aumento della temperatura sul lato freddo dell’elemento strutturale, in genere 140 ⁰C.

E = integrità. Il periodo di tempo in cui l’elemento strutturale mantiene la sua integrità contro fiamme o gas caldi in un incendio standard.

R = Capacità di carico del carico. Il periodo di tempo in cui l’elemento strutturale pertinente è in grado di sostenere il carico corrente in una normale fase di sviluppo dell’incendio.

I risultati dei test sono ottenuti sotto forma di un timestamp che indica quanti minuti l’elemento strutturale resiste al fuoco prima che venga superata la soglia per ciascun criterio. Se il prodotto soddisfa i requisiti per la classe REI 60, il risultato significa che l’elemento strutturale può resistere al fuoco per un’ora in relazione alla capacità di carico, all’integrità e all’isolamento. La capacità di isolamento è determinata dalla temperatura sul lato opposto se la temperatura del fuoco non è autorizzata ad aumentare di oltre 140 gradi. In alcuni casi, è possibile includere criteri aggiuntivi nella classificazione.

 

Test fatti alle pareti Jelovica

Stratigrafia parete portante esterna a telaio

100 mm Isolante in polistirene
16 mm lastra di legno cemento (tipo Betonyp)
140 mm Lana di roccia Knauf
140 mm intelaiatura in legno
0,25 mm telo freno al vapore (foglio PE)
12 mm lastra di legno cemento (tipo Betonyp)
12,5 mm Lastra cartongesso Knauf antiincendio

Come si svolge il test di resistenza all’incendio

Il costo totale di un test per una sola parete in legno prefabbricata viene 4.000 eur circa. Se la parete effettua il test, riceve il certificato REI. Se no, bisogna rifarlo.

Il fornitore prepara una parete esterna dalle specifiche elencate sopra, di lunghezza 2920 mm e altezza 3000 mm. Sulla parete viene messa anche una derivazione con i rispettivi tubi corrugati. Sulla parte superiore della parete viene messo un profilo di carico di valore 35kN/m. La parete resta nel laboratorio per un periodo di 11 giorni, con temperatura di 18 gradi e umidità relativa al 60%. Dopo questo periodo, la parete viene messa in una specie di grande forno. Sulla parete vengono messi i rilevatori di temperatura e di carico. Il forno viene acceso a circa 300 gradi e la temperatura sale fino a più di 1000 gradi. Il test ha inizio, quando la temperatura raggiunge i 300 gradi.

 

Parete a telaio ad inizio test di laboratorio con sensori di temperatura e di carico.

Parete in forno sottoposta a più di 1000 gradi.

Parete a telaio a fine test fuoco fermato dopo 91 minuti

Risultati eccezionali del test REI sulle pareti esterne:

  • la parete ha ricevuto il certificato REI90.
  • la parete è ancora portante. Può sostenere ben 3700 kg dopo 90 min di esposizione al fuoco.
  • Il fuoco non è penetrato dall’altra parte.
  • La temperatura del lato non esposto al fuoco era di 49 gradi, mentre nel lato esposto di ben 1025 gradi!

Marko Hrovatin

Marko Hrovatin