Notizie

Resistenza al fuoco delle case in legno

30. 04. 2018

RESISTENZA AL FUOCO DELLE CASE IN LEGNO

Le persone temono la combinazione di legno e fuoco per una buona ragione. Storicamente il legno è stato il principale materiale da costruzione in molti luoghi in tutto il mondo; intere città sono state costruite in legno. Gli archivi contengono molti documenti relativi a città che sono state bruciate sul terreno in momenti diversi nel tempo; nelle città densamente costruite, il fuoco poteva saltare rapidamente da un edificio all’altro. Questo ricordo è profondamente radicato nella mente delle persone anche oggi, e non è lasciato andare così facilmente.

Questi pregiudizi non sono solo duri, ma sono anche ingiusti nell’edilizia in legno. Varie ricerche e analisi approfondite hanno rivelato che la maggior parte degli incendi in legno avvengono in case abbandonate o in abbandono, in cottage o baracche da giardino, piuttosto che in costruzioni moderne. Questi edifici non sono stati costruiti con misure precauzionali per la sicurezza antincendio e le persone spesso agiscono in modo sconsiderato e spericolato senza prendere in considerazione il fattore di rischio incendio. Ad esempio, i paesi nord Europa costruiscono persino edifici residenziali in legno fino a 300 m! Questo testimonia che il legno è un materiale sicuro per il fuoco. E sempre più paesi europei cominciano a fare grattacieli in legno.

Affinché la struttura in legno prende fuoco, richiede il cosiddetto triangolo magico – tre componenti principali. La prima componente è il carburante: in questo caso il legno stesso. La seconda componente è l’ossigeno o ossidante che consente la combustione di una fiamma. L’ultima componente è una fonte di accensione, che può essere qualsiasi cosa, da una candela in un albero di Natale o un guasto in un’installazione elettrica. Incontriamo la combinazione dei primi due componenti ogni giorno. Un fattore importante per la sicurezza antincendio del legno sono i suoi livelli di umidità. Il legno assorbe l’umidità dall’ambiente circostante e rilascia l’umidità nell’ambiente. Il legno non è mai completamente asciutto. Questa proprietà unica del legno è un fattore benefico per la sicurezza antincendio. Rispetto alle costruzioni metalliche, il metallo è un eccellente conduttore di calore e si riscalda molto rapidamente. Quando raggiunge i 300-400 gradi, si deforma e la costruzione fallisce. Le costruzioni in legno invece possono resistere a temperature più elevate. Durante gli incendi, quando le temperature raggiungono i 1000 gradi, l’interno di una costruzione in legno non raggiungerà mai più di 100 gradi finché gli strati interni di legno mantengono l’umidità. Ciò rende una casa in legno più sicura per l’evacuazione in caso di incidente, e il fuoco può essere estinto, preservando la costruzione dell’edificio.

REI:

I = isolamento. Il tempo necessario per produrre un aumento della temperatura sul lato freddo dell’elemento strutturale, in genere 140 ⁰C.

E = integrità. Il periodo di tempo in cui l’elemento strutturale mantiene la sua integrità contro fiamme o gas caldi in un incendio standard.

R = Capacità di carico del carico. Il periodo di tempo in cui l’elemento strutturale pertinente è in grado di sostenere il carico corrente in una normale fase di sviluppo dell’incendio.

I risultati dei test sono ottenuti sotto forma di un timestamp che indica quanti minuti l’elemento strutturale resiste al fuoco prima che venga superata la soglia per ciascun criterio. Se il prodotto soddisfa i requisiti per la classe REI 60, il risultato significa che l’elemento strutturale può resistere al fuoco per un’ora in relazione alla capacità di carico, all’integrità e all’isolamento. La capacità di isolamento è determinata dalla temperatura sul lato opposto se la temperatura del fuoco non è autorizzata ad aumentare di oltre 140 gradi. In alcuni casi, è possibile includere criteri aggiuntivi nella classificazione.

 

Test fatti alle pareti Jelovica

Stratigrafia parete portante esterna a telaio

100 mm Isolante in polistirene
16 mm lastra di legno cemento (tipo Betonyp)
140 mm Lana di roccia Knauf
140 mm intelaiatura in legno
0,25 mm telo freno al vapore (foglio PE)
12 mm lastra di legno cemento (tipo Betonyp)
12,5 mm Lastra cartongesso Knauf antiincendio

Come si svolge il test di resistenza all’incendio

Il costo totale di un test per una sola parete in legno prefabbricata viene 4.000 eur circa. Se la parete effettua il test, riceve il certificato REI. Se no, bisogna rifarlo.

Il fornitore prepara una parete esterna dalle specifiche elencate sopra, di lunghezza 2920 mm e altezza 3000 mm. Sulla parete viene messa anche una derivazione con i rispettivi tubi corrugati. Sulla parte superiore della parete viene messo un profilo di carico di valore 35kN/m. La parete resta nel laboratorio per un periodo di 11 giorni, con temperatura di 18 gradi e umidità relativa al 60%. Dopo questo periodo, la parete viene messa in una specie di grande forno. Sulla parete vengono messi i rilevatori di temperatura e di carico. Il forno viene acceso a circa 300 gradi e la temperatura sale fino a più di 1000 gradi. Il test ha inizio, quando la temperatura raggiunge i 300 gradi.

 

Parete a telaio ad inizio test di laboratorio con sensori di temperatura e di carico.

Parete in forno sottoposta a più di 1000 gradi.

Parete a telaio a fine test fuoco fermato dopo 91 minuti

Risultati eccezionali del test REI sulle pareti esterne:

  • la parete ha ricevuto il certificato REI90.
  • la parete è ancora portante. Può sostenere ben 3700 kg dopo 90 min di esposizione al fuoco.
  • Il fuoco non è penetrato dall’altra parte.
  • La temperatura del lato non esposto al fuoco era di 49 gradi, mentre nel lato esposto di ben 1025 gradi!

Marko Hrovatin

Marko Hrovatin

Potete condividere sui social