Articoli

Perché il prezzo del legno è aumentato nel 2021?

 

L’economia si sta riaprendo a un ritmo frenetico dopo lo sciopero iniziale del Covid che all’inizio del 2021 ha causato ogni sorta di carenza; dai medicinali alla carta igienica fino ai chip per i computer dell’industria automobilistica. Ma nessuno pensava che sarebbe arrivata alla scarsità del legno. Attualmente in Europa c’è una forte domanda di case ecologiche in legno a basso consumo energetico e sembra che questa esigenza non passerà presto.

 

prezzi legno slovenia 2021

aumento prezzi legno slovenia

Il legno lamellare ha superato il limite di 300 EUR/m3. In Italia e Germania il prezzo del prodotto finale (travi lamellari di qualità a vista) è passato da 400 euro a circa 600 euro/m3 in sei mesi. Il prezzo di KVH dovrebbe raggiungere 450 EUR/m3. Cosa sta succedendo? Perché i prezzi stanno impazzendo in questo momento? Perché qualcosa che è stato concordato il lunedì spesso non è più valido il venerdì della stessa settimana?

 

COVID-19
L’industria del legno sta lottando per aumentare l’offerta poiché la crescente domanda fa fronte alla produzione limitata e alla produzione motlo paralizzata a causa del Covid, con conseguente carenza di legno a breve termine e di conseguenza prezzi elevati. Uno dei principali problemi che l’industria del legno deve affrontare è la potenziale carenza di dipendenti, poiché a causa delle restrizioni e delle vaccinazioni Covid, molti lavoratori non hanno potuto andare a lavorare o sono rimasti senza lavoro. Tutti questi fattori influenzano le attività cicliche delle foreste, come la gestione forestale, la semina o il taglio, che hanno influito sulla produzione del legno e hanno indubbiamente influenzato la fornitua del legno. A marzo e aprile 2020, le segherie hanno chiuso a causa delle restrizioni di sicurezza legate alla pandemia e il legno è diventato un prodotto altamente desiderabile da quando hanno riaperto.

MERCATI INTERNAZIONALI
Altra causa dell’aumento dei prezzi del legno sono anche gli Stati Uniti che si sono visti chiudere la fornitura del legno dal Canada e si sono dopo orientati verso le forniture dall’Europa. Attualmente, il prezzo negli Stati Uniti è di 514 EUR /m3 per il legno KVH Tedesco. Esattamente un anno fa era 250€/m3. Anche la Cina si sta lentamente rivolgendo alla bioedilizia, simboleggiata dalle Olimpiadi invernali che cominceranno nel 2022. La domanda cinese di legname aumenterà di nuovo quest’anno. Potrebbe raggiungere i 70 milioni di m nel 2021 e i 75 milioni di m³ nel 2022. La Cina dovrà anche adottare prezzi molto più alti per il legname di quest’anno per soddisfare pienamente la sua domanda.

 

Sebbene i prezzi siano diminuiti  a metà maggio 2021, sono aumentati + del 280% negli ultimi 12 mesi! I prezzi del legno hanno raggiunto un record di 700 EUR/m3 a luglio, in crescita del 406% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Di conseguenza, il prezzo di una nuova casa unifamiliare è aumentato in media di quasi 36.000 EUR!
Anche i prezzi delle case in legno Jelovica sono aumentati nel 2021. Abbiamo notato un forte aumento dei prezzi dei materiali:
– Legno lamellare +300%
– EPS +100%
– Profili in ferro +90%
– Finestre +20%
Tutto questo ha influto sui prezzi delle case in legno che sono aumentati del 15% fino a aprile e del 25% fino a fine agosto 2021. È stato un disastro per gli acquirenti di case in legno al momento della pandemia, poiché i bassi tassi dei mutui hanno causato un boom nella edilizia con conseguenti prezzi record, guerre all’asta e una storica carenza di materiali primi. Senza una soluzione alla crisi del legno, l’accessibilità economica sarà ancora irraggiungibile per molti potenziali acquirenti di case, poiché la fornitura è ancora scarsa con prezzi motlo alti.

 

QUANDO CALERANNO I PREZZI DEL LEGNO?
I prezzi del legname si sono “ammorbiditi” un po’ di recente, poiché la domanda ha rallentato. Tuttavia, la maggior parte degli analisti prevede che i prezzi del legname rimarranno elevati fino al inizio 2022 a causa delle interruzioni della catena di approvvigionamento e poiché pochissime nuove fabbriche operano al 100%. Si potrebbe pensare che l’aumento dei prezzi del legname sembrerebbe un buon incentivo a ripartire e ad aprire tanti stabilimenti chiusi, ma non è così facile. Non ci sono abbastanza lavoratori per far funzionare le segherie che sono aperte a pieno regime, figuriamoci trovare lavoratori per aprire una segheria chiusa.

In conclusione, se in Europa non ci saranno più chiusure causa Covid-19, anche l’economia del legno potra ricominciare a alvorare al 100%. Molte aziende di questo settore ritengono che ciò avverrà nella prima metà del 2022 e quindi anche noi ci auguriamo la stessa cosa.

Marko Hrovatin

Marko Hrovatin